create a web page
Mobirise

Neurobiofeedback.
DI COSA SI TRATTA:

Il NEUROBIOFEEDBACK è una tecnica che associa uno specifico training terapeutico ad una apparecchiatura elettromedicale.

COME FUNZIONA UNA SEDUTA:

Il paziente viene fatto accomodare su una poltrona, posizionata davanti ad uno schermo. Il terapeuta applica alcuni elettrodi sulla testa del paziente, la procedura è del tutto indolore.
Gli elettrodi rilevano l’attività cerebrale e la trasmettono ad un computer; il software converte le onde cerebrali in immagini di cui il paziente può controllare il movimento cercando di regolare i propri ritmi. Il controllo avviene diminuendo l’attività delle onde cerebrali troppo alte o aumentando l’attività di quelle troppo basse a seconda del protocollo.
A questo punto è come se il soggetto giocasse ad un “videogioco” senza muoversi, controllandolo soltanto con la propria mente.

PATOLOGIE TRATTATE

La gamma di patologie trattabili con la tecnica del NEUROBIOFEEDBACK è molto ampia. Questa tecnica può essere usata, a seconda dei casi, da sola o in associazione ad altre terapie già in atto.

Alcuni esempi di patologie trattate:

- Disturbo d’ansia, con o senza attacchi di panico
- Disturbo ossessivo compulsivo
- Dolore di tipo psicosomatico 
-  Cefalea tensiva, anche farmaco resistente
 - Disturbi dell’attenzione 
- Disturbi del sonno 
- Riabilitazione conseguente ad ICTUS o TRAUMA CRANICO;
- Sindrome di affaticabilità cronica;
- Disturbo da stress post traumatico;
- Disturbi dell’alimentazione. 
- Incontinenza psicogena
- Protocolli specifici per epilessia

DOMANDE FREQUENTI

Esistono controindicazioni o effetti indesiderati per l’uso di queste tecniche?

No, essendo una tecnica non invasiva non esistono effetti indesiderabili riscontrati.

Esiste letteratura scientifica al riguardante l’uso ed efficacia di queste tecniche?

Si, migliaia di articoli scientifici pubblicati dimostrano l’efficacia di queste metodologie per il trattamento delle patologie o sintomi elencati precedentemente. Ecco una lista di articoli scientifici: http://www.aboutneurofeedback.com/neurofeedback-info-center/research/news-and-articles/

È una cosa fastidiosa?

No. È anzi molto affascinante vedere come si riesce a interagire con il computer semplicemente modificando il proprio stato mentale.

Quanto dura una seduta e quante ne occorrono?

La durata di una seduta è di circa 30 minuti. La durata del trattamento è variabile con un minimo consigliato di 3/5 sedute.

È una terapia costosa?

Il costo è accessibile, considerando anche che con il trattamento si ottiene un beneficio durevole e stabile.


Dottoressa Maddalena Castelletti  P.IVA 02553390184